Seleziona la porzione di testo da chiarire
Step 1 - N° 24

Il Pensiero - Il non pensiero durante la Pratica (2 parte)

Pagina 1 su 5

La prima e la più diffusa difficoltà della Meditazione è l’incapacità di mantenere il non pensiero, ostacolo che porta molte persone ad arrendersi sin dalla prima sessione di pratica. Durante questo percorso ti sto insegnando la Meditazione in silenzio mentale, perché tu possa comprendere quanto sia importante il non pensiero durante la pratica. Le domande sono tante e sempre le stesse: 
“Come faccio a mantenere il non pensiero? Come faccio a non pensare durante tutta la Meditazione?” Innanzitutto, il non pensiero deve essere allenato quotidianamente, altrimenti non migliorerà mai da solo. La Meditazione è la tecnica migliore e più efficace per abituare la mente al silenzio mentale, perché tu possa decidere quando debba esserci il silenzio senza passare la vita a subire i tuoi pensieri. Perseguire il silenzio mentale, specialmente durante la pratica, è fondamentale per l’evoluzione delle proprie sensorie: senza non pensiero non potresti sviluppare il tuo sesto senso, comprendere ciò che la tua Anima ha da svelarti, né capiresti cos’è Dio e come comunicare con Esso. Il pensiero più comune è credere che non si possa comunicare con la propria Anima o con Dio, se non a parole; invece, è proprio il pensiero continuo che ci allontana dalla consapevolezza dell’Anima e della vera e pura comunicazione con Dio, che non avviene con le parole, ma con una connessione più profonda: più psichica. 

Il pensiero è il nemico numero uno del Risveglio Spirituale: potresti pensare che sia un’esagerazione, che i nemici peggiori siano le entità negative, gli oscuri, eppure questi agiscono proprio sul pensiero, perché questo è la miglior arma per far cedere le gambe di una persona; è esattamente il metodo più utilizzato per far cadere chiunque nel tranello dell’anti-spiritualità. Il pensiero, specialmente quello continuo, è l’aggancio che il Low utilizza per tenerci fermi ad una vibrazione bassa, così da assicurarsi che abbiamo ben altro a cui pensare che all’evoluzione spirituale. Il Low sfrutta il nostro pensiero per distrarci, facendoci pensare a qualunque cosa durante il giorno pur di non lasciarci liberi di pensare alla nostra presa di Coscienza. 
È giusto dire che siamo bombardati dai pensieri, perché ogni giorno, in qualunque momento, abbiamo mille cose a cui pensare, e finiamo per non avere tempo di riflettere sul nostro percorso spirituale e su come darci da fare per avvicinarci di più al risveglio totale delle nostre capacità extra-sensoriali, oltre che a come ottenere le risposte a tutte le nostre domande sulla vita e sulla nostra esistenza. Perché esistiamo? Perché siamo presenti in questa vita? Non abbiamo tempo per cercare risposte, ma abbiamo tutto il tempo che vogliamo per spenderlo davanti alla TV o per uscire con gli amici a bere e parlare del niente. 

Il Low sa molto bene come fregarci, non è di certo nato ieri; noi invece, a confronto siamo decisamente più ingenui. Così ci lasciamo abbindolare dai pensieri quotidiani che non hanno un altro scopo se non quello di allontanarci dall’unico vero pensiero che ci aiuterebbe a scoprire chi siamo: la spiritualità. Certo è che solamente pensare alla spiritualità non ci permetterebbe di Risvegliarci, in quanto per riuscirci bisogna praticare, e nessun libro e nessuna lezione teorica potrà mai sostituire la pratica; questo perché ogni lezione serve a farti riflettere su chi sei e per quale ragione tu sia qui, ma è la pratica meditativa che ti fa ottenere, nel profondo, la risposta ad ogni singola domanda, anche a quelle che non ti eri ancora posto. Prima di praticare costantemente la meditazione, nemmeno io avevo idea di quanto fosse importante il non pensiero, perché lo sottovalutavo pensando che non potesse girare tutto intorno a lui: possibile che la semplice azione di pensare possa allontanarmi così tanto dalla mia evoluzione? Perché mai, l’atto più naturale del mondo che è quello di pensare, dovrebbe allontanarmi dall’evoluzione spirituale? La ragione è molto più complessa di quanto sembri, e l’ho compresa solo dopo aver iniziato a praticare, perché prima non avevo i mezzi e le capacità per riuscirci. 

Pagina 2 su 5

Il pensiero è fortemente manipolato, spesso indotto da intelligenze molto più furbe di noi che sanno bene come fare e come non farsi scoprire. Vedi il Low: esso è capace di farci pensare quello che vuole, e credendo che siano nostri pensieri, li ascolteremo. Per cui il problema non è la facoltà di pensare, ma sono tutti quei pensieri che non riconosciamo come esterni ma che purtroppo non sono nostri, e che ci vengono imposti senza che nessuno si accorga di nulla: perché sono solo pensieri, i soli e unici capaci di modellare la nostra vita a loro piacimento, facendoci pure illudere che siano nostre decisioni personali. 

I pensieri sono un grande ostacolo alla nostra evoluzione e riconoscerli è molto complicato: non potremmo provare a combatterli di petto, perché vincerebbero loro! Perciò la soluzione è quella di abbassare tutti i pensieri, affinché le sensorie, o per meglio dire il nostro Sesto Senso, risalti e si faccia sentire. Esso non parla a parole, per cui sarà più semplice riconoscerlo se abbassiamo tutti gli altri pensieri, di cui l’enorme maggioranza sono solo perditempo creati dal Low con lo scopo di allontanarci dall’evoluzione. Il Sesto senso, ovvero il mezzo con cui il nostro Sé superiore riesce ad agire in questo piano fisico, non comunica parlando, ma si fa sentire attraverso percezioni e sensazioni, da non confondere però con i pensieri e i sentimenti che possono essere influenzati dall’esterno per farci credere qualcosa che non è, facendoci sbagliare pista. Ti sarà già capitato di aver avuto delle percezioni, ad esempio su alcune persone che hai sentito negative per te, senza che abbiano fatto nulla di male per fartelo pensare; di seguito poi si sono dimostrate esattamente come avevi percepito: ovvero negative o con brutte intenzioni verso i tuoi confronti. Ciononostante, chissà quante volte ti sarà capitato di fare fatica a riconoscere se quella sensazione fosse giusta o solo un brutto giudizio iniziale, perciò non lo hai ascoltato e più tardi ti sei pentito. Tutto questo è accaduto perché il sesto senso è molto debole, in quanto non lo hai mai allenato in vita tua; inoltre, il pensiero è molto alto, perché non hai mai svolto una seria pratica di silenzio mentale, ecco perché le sensazioni vere e dettate dal sesto senso sono così difficili da riconoscere e facili da confondere con i pensieri indotti. 

Per sviluppare il sesto senso e addestrare il silenzio mentale bisogna seguire la pratica della Meditazione, l’unica tecnica in assoluto che possa evolverti spiritualmente e allo stesso tempo abbassare l’influenza del Low su di te. Se ci fosse un’altra soluzione, una più facile e veloce, l’avremmo già messa in atto subito, tutti quanti, così saremmo già fuori dal Low e del tutto liberi dal Matrix. Invece siamo qui, dove la maggioranza delle persone si frega, pensando di non avere bisogno di praticare la meditazione perché i loro pensieri sono “già tutti evoluti”, senza rendersi conto che sono proprio questi i pensieri del Low che li fanno cadere nel tranello. Capire e accettare che il proprio pensiero sia stato deciso dal Low è davvero difficile; ti viene chiesto di andare contro il tuo stesso pensiero, come potrebbe essere semplice? Però se rimani in silenzio, per un po’ di tempo tutti i giorni, ti rendi conto come qualcosa di più “tuo”, di più vero e di più positivo, accresce dentro di te e ti fa sentire bene, calma le tue ansie, i tuoi pensieri e le tue ossessioni e inizia a dare una forma migliore alla tua vita. All’inizio non lo capisci, accade qualcosa di buono ma pensi che sia solo un caso, eppure più continui a meditare e più eventi positivi accadono durante il giorno, da quelli più piccoli ma continui a quelli più grandi che lasciano il segno. 

Ogni qualvolta praticherai, seppure non riuscirai a mantenere il non pensiero perfetto, ti renderai conto di quanto ti faccia stare bene meditare, tanto che non vorrai smettere. Nel contempo, inizierai a fare caso di quanto sia insistente il Low, imprimendoti pensieri (tra i più assurdi), pur di farti smettere di praticare o farti andare storta anche questa sessione. Perché tanto impegno per impedirti di rimanere in silenzio mentale per una sola mezz’oretta, quando in un’intera giornata di 24 ore ti ha completamente in pugno? Perché, se decidi di rimanere in silenzio, qualcosa o qualcuno deve obbligarti a pensare? 

Pagina 3 su 5

Eppure, solo se deciderai di praticare ti renderai conto di quanto sia vero che qualcosa, contro la tua volontà, tenta di farti pensare anche quando vorresti una piccola pausa. Il fatto è che se non hai nulla a cui pensare, ti metterà davanti qualunque genere di fantasia o immaginazione che ti distragga, impedendoti di rimanere concentrato sulla meditazione. Se non mediti non te ne puoi rendere conto, perciò credi che tutto questo non sia reale; invece, se inizi a praticare la meditazione in silenzio mentale, ti rendi conto di come sbucano fuori pensieri che non hai mai avuto prima, al solo scopo di occupare la tua mente e distrarti dall’obiettivo della meditazione: quello di far tacere i pensieri per alzare il volume del tuo sesto senso. 

Solo meditando ti puoi rendere conto di quanto il pensiero sia manipolato da qualcosa o qualcuno di cui non ti eri mai accorto prima ma del quale, grazie alla meditazione, oggi puoi diventarne cosciente. Tutto questo perché, mentre cercherai di meditare, anche non credendo ciecamente all’esistenza del Low, se solo proverai a mantenere il non pensiero per troppo tempo inizieranno a comparire pensieri e fantasie che non avevi mai fatto prima, tutto pur di distrarti. Per quale ragione non hai il diritto di rimanere, anche un solo minuto, in assoluto silenzio? Infatti, qui non si tratta di ore, ma si tratta di restare un solo minuto completamente in silenzio: provaci e capirai la difficoltà. È normale: anche un solo minuto di assoluto silenzio ti porterà ad alzare il volume del tuo sesto senso, figurati quanto può fare restando un’intera sessione di meditazione completa in non pensiero. Potrebbe sembrare tanto, eppure si tratta di una sola mezz’ora al giorno: che sarà mai? Per il Low, invece, si tratta di un enorme ostacolo, perché se tu restassi in meditazione per un’intera mezz’ora ogni giorno, prendendola come sana abitudine quotidiana, per lui risulterà molto più complicato influenzare la tua vita e le tue decisioni. Ecco perché s’impegna a farti scegliere di fare tutt’altro che meditare, di farti perdere tempo con questioni futili pur di non avere tempo di sederti una sola mezz’ora al giorno a meditare, ma di farti avere sempre tempo per la TV, per chattare o guardarti le serie dei telefilm su internet. Praticando ti rendi conto di quanto sia importante farlo, purtroppo invece se non pratichi non capirai mai le ragioni per cui andrebbe fatto, non conoscendo i benefici che ha da offrirti. Il Low si impegna per non farti iniziare la meditazione, consapevole che se la praticassi costantemente evolveresti il tuo sesto senso a tal punto che per lui diventerebbe poi impossibile mantenerti sotto il suo controllo. Questa è la ragione per cui il primo passo da compiere è imparare il non pensiero durante la pratica della Meditazione, affinché il volume del Low si abbassi e si alzi quello delle tue capacità psichiche. 

La difficoltà c’è e ci sarà per svariato tempo: non aspettarti che dall’oggi al domani imparerai l’assoluto non pensiero che duri 24 ore, solo per aver pensato di volerlo fare! Però puoi veramente migliorarlo tanto, attraverso la pratica giornaliera e costante, imparando a scegliere quando rimanere in silenzio mentale e per quanto tempo farlo. Il silenzio mentale è utilissimo, perché impari a decidere cosa pensare e quando pensarci, focalizzando tutta la tua attenzione su un unico punto anziché distrarti su mille problemi a cui non vorresti dare energie, ma che invece te ne rubano contro la tua volontà. Vedi quando vuoi lavorare su un progetto ma hai mille preoccupazioni che ti assalgono, facendoti perdere un sacco di tempo e impedendoti di capire come continuarlo; oppure quando sei alla ricerca di un’ispirazione creativa, ma non ci riesci perché sei troppo offuscato da altri vari pensieri; oppure quando vorresti studiare per un esame, ma non riesci a capire ciò che stai leggendo perché nel mentre sei ansioso o hai altro per la testa. Il silenzio mentale non serve solo a silenziare, ma anche ad insegnarti come, quando e a cosa pensare, per tua decisione personale, anziché subire i mille pensieri che si infilano nella tua mente e ti impediscono di fare altro. Saper controllare i propri pensieri è incredibilmente funzionale, perché riuscirai a concentrarti su quello che ti interessa davvero, senza perdere tantissimo tempo che invece potresti utilizzare per fare altro. 

Pagina 4 su 5

Come per l’ispirazione artistica: essa viene da sola perché non sai controllarla, ma quanto sarebbe bello se questa venisse ogni volta che lo decidi? Magari in grandi quantità, giusta e mirata verso l’obiettivo che volevi raggiungere, anziché girarci intorno e venirti sempre nel momento più sbagliato e inopportuno. Quante volte ti è arrivata l’ispirazione proprio mentre non avevi carta e penna davanti, o mentre stavi lavorando e non potevi di certo fermarti a segnare l’idea? O peggio ancora alle 04.00 di notte, obbligandoti a scegliere se dormire o se alzarti per scriverti l’idea. Questo è solo uno dei tantissimi motivi per il quale imparare ad addomesticare il proprio pensiero è tanto importante. Il silenzio mentale durante la meditazione ti permette di diventare più focalizzato durante la tua vita personale, sentimentale e lavorativa. Il silenzio mentale ti rende più attento, cosciente, più lucido e attivo: chiunque desidera avere al proprio fianco un partner che sia attento e si accorga di come si sente, e perché no, anche di ciò che sta pensando; perché la meditazione ti rende anche molto più empatico e telepatico, soprattutto verso le persone che ami. Questo è un grande punto a favore, perché l’altra persona se ne renderà conto, non capirà la ragione per cui sei più attento eppure gli piacerà questo nuovo lato di te, perché la tua maggiore capacità di notare le cose – anche i più piccoli cambiamenti – ti renderanno più interessante ai suoi occhi, diverso rispetto agli altri. Tutto questo avviene se impari il non pensiero durante la meditazione, perciò non succede se continui a pensare come hai sempre fatto: sai già dove ti porta il modo con cui hai sempre agito, però non sai dove ti porterà il silenzio mentale, ma è arrivato il momento di scoprirlo. 

Il segreto del non pensiero durante la meditazione sta nella concentrazione. Ancora una volta ti ripeto che combattere di forza contro il pensiero sarebbe controproducente, perché vincerebbe lui. Invece, puoi addomesticarlo piano piano, con esercizi e pratica quotidiana, riuscendo a renderlo più coerente con il tuo volere, anziché essere tu a doverti adattare a lui come hai sempre fatto sinora. L’esempio lampante è quello di iniziare una splendida giornata con l’umore a pezzi, tutto questo per un unico pensiero che poi sfocia in tanti altri pensieri negativi. Hai davanti una bellissima giornata, incontri belle persone e ti accadono eventi insoliti e piacevoli, eppure i tuoi pensieri negativi del giorno ti impediscono di goderti l’esperienza, facendoti vedere tutto nero. Per cui adatti la tua giornata al tuo umore, o meglio l’adatti ai tuoi pensieri. Se invece imparassi ad organizzare i tuoi pensieri al tuo volere, potresti cambiare la giornata in meglio, perché anziché buttare all’aria un bell’evento o un bell’inizio di giornata a causa dei tuoi pensieri, potresti cambiare quest’ultimi e renderli più positivi, modellandoli a seconda della giornata che stai vivendo. Perciò, anziché farti affliggere dai tuoi pensieri, puoi scegliere di stopparli, metterli in pausa per il tempo che ti serve e goderti ciò che ti capita senza fartelo scappare via; dopodiché ti renderai conto che quegli stessi pensieri che prima ti sembravano così tanto importanti, in un solo giorno avranno perso completamente importanza, dandoti l’occasione di capire cosa ti saresti perso se avessi dato retta a loro. 

Per imparare il silenzio mentale durante il giorno bisogna che lo impari seriamente durante la Meditazione, altrimenti non lo capirai mai a fondo, nemmeno se ti illuderai di avercela fatta. Il non pensiero non serve solo a restare più concentrato durante il giorno, ma ad impedire al Low di manipolare i tuoi pensieri e i tuoi desideri, facendoti credere che siano i tuoi. Durante la pratica della Meditazione cerca di concentrarti su quello che stai facendo, ovvero sul respiro, sul chakra e sul desiderio di volerti evolvere. Rimani concentrato sulla motivazione che ti spinge a sederti in mezzo loto e scegliere di meditare: focalizzati su quell’intento per rimanere motivato, durante tutta la meditazione, su questo desiderio anziché perderti in mille pensieri futili al momento. Spiega a te stesso che non è il momento di pensare ad altro, che hai solo mezz’ora di tempo per evolverti e non devi sprecarla a pensare o ad immaginare, perché hai tutto il giorno per poterlo fare e in questa unica mezz’ora devi riuscire a restare in silenzio mentale nonostante le forti tentazioni. 

Pagina 5 su 5

La difficoltà più grande sarà quella di rimanere motivato a restare in non pensiero, perché mentre starai meditando ti verrà una grandissima voglia di pensare a tutt’altro per passare il tempo; hai solo mezz’ora di tempo per evolverti, spiega a te stesso che è l’unica occasione che hai per fare progressi e che non devi buttarla all’aria. Se convinci te stesso, sarà molto più semplice mantenere lo stato mentale silenzioso. Il non pensiero infatti non è sinonimo di assenza, bensì porta il significato di essere presente nel momento senza farti trascinare dai pensieri della tua mente. 

Ogni volta che ti perdi nei pensieri, non arrabbiarti: peggioreresti le cose. Invece, rimani calmo e ripeti a te stesso che devi concentrarti sul chakra e non pensare a null’altro. Impara quindi a distinguere quali pensieri stoppare per primi: i pensieri che ti riportano a ricordare qualcosa del passato, ad immaginare qualcosa di fantasioso, a canticchiare una canzone che ti piace, a pensare alla persona che ami, o ai tuoi figli, oppure a ragionare sulle mansioni domestiche che dovresti svolgere; stoppali tutti, perché durante la meditazione che dura soltanto mezz’ora, non devi pensare a nulla di tutto questo. Non ti viene chiesto di smettere di amare la persona che ti fa battere il cuore, o di smettere di accudire i tuoi figli, ti viene chiesto di non pensarci durante la mezz’ora giornaliera che dovresti dedicare interamente alla meditazione. Se impari a dedicare questa intera mezz’ora giornaliera solamente a te stesso, allora inizierai a dare il comando alla tua vita di girare intorno a te, anziché il contrario. Durante la meditazione ricorda spesso a te stesso di doverti concentrare unicamente sulla respirazione pranica e sul chakra su cui stai meditando e se ti aiuta, puoi pensarlo a parole dicendo a te stesso “concentrati sul chakra”; poi, silenziati di nuovo. Non puoi abbattere tutti i pensieri in una sola volta, ma puoi svolgere una selezione poco per volta, eliminando prima i pensieri che ti portano lontano da ciò che stai svolgendo nel presente, per poi un giorno arrivare a controllarli tutti al 100%. Quindi, se i pensieri sono tanti, ripeti a te stesso di doverti concentrare solamente sul chakra, così che quel pensiero non riesca a distrarti, e poi cerca di rimanere concentrato sul chakra senza doverlo ripetere a parole troppe volte. In questo modo, poco a poco, abbasserai ogni tipo di pensiero e la tua attenzione rimarrà vigile e focalizzata su ciò che si alzerà in piedi, che sarà il tuo sesto senso. 

Ovviamente, con il tempo dovrai imparare a rimanere concentrato durante la meditazione senza dover ripeterlo a parole, però questo pensiero serve a focalizzarti e farti tornare concentrato su ciò che stai facendo, per cui non è da paragonare ad un pensiero più pesante, come ad esempio quello di pensare alle faccende domestiche mentre stai meditando: è sempre un pensiero, ma il primo serve per ricordarti cosa stai facendo sul momento e su cosa dovresti concentrarti, il secondo serve soltanto a distrarti e allontanarti da ciò che stai facendo, riportandoti ad una bassa vibrazione. Perciò puoi utilizzare il pensiero per focalizzarti meglio sul chakra, ma devi evitare che questo diventi una sorta di Mantra, finendo per “pensare” al chakra anziché sentirlo davvero. Ricordati sempre che il chakra va percepito fisicamente, non solo immaginato, ecco perché utilizziamo le dita che dovranno toccare la pelle del chakra affinché la percezione fisica ci faccia ricordare cosa dobbiamo fare e in quale punto preciso dobbiamo focalizzarci; cosa che, solamente immaginando la posizione del chakra, non ci permetterebbe di fare. Detto questo, non sarà facile imparare il non pensiero, né sarà immediato, ma con la pratica giornaliera e costante potrai notare miglioramenti che a lungo andare diventeranno sempre più fedeli e pronunciati. Praticando ogni giorno migliorerai tanto, sino a che arriverà il momento, senza rendertene conto, in cui sarai diventato molto più bravo a mantenere il non pensiero e la concentrazione sia durante la pratica che durante la giornata. Non avere l’ansia di evolverti di fretta e furia ma allo stesso tempo non avere troppa calma di deciderti nel metterti a praticare, prima inizierai il tuo percorso e prima vedrai i progressi che tanto sognavi. Ricordati che per migliorare il non pensiero devi respirare prana, che ti darà un grande aiuto a rilassarti e quindi a calmare la mente e tutti i suoi meccanismi di pensiero. Respira prana e rilassati, in questo modo sarà più semplice imparare il silenzio mentale. 

Fine pagina 5 su 5. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.

1409 commenti
  • Roby - 17:38 02/02/23

    Ho compreso che il nostro pensiero è influenzabile dal low,ma se alleniamo il sesto senso siamo più forti e l'unico modo è con la meditazione.mantenere sempre il non pensiero è difficile, è vero che mi arrivano pensieri assurdi,ma ho capito che c'è molto lavoro da fare.

  • gabrielemaio - 16:45 01/02/23

    Ho riletto varie volte questo articolo perché facevo fatica a capirlo davvero. Ho preso appunti, l'ho ascolatato anche ma era ostico nonostante questa sia la voce che mi risulta più chiara e lineare. Questo step anche se spiega con chiarezza i meccanismi del non pensiero e di come affrontarlo nelle nostre sessioni di meditazione é impalpabile e per certi versi misterioso. Sembra incredibile descrivere a parole qualcosa che dovrebbe essere solo praticato, credo che sia un po' come descrivere un gusto, non si può, non esiste altro mezzo corretto se non il provarlo. Di certo non mi stupisco più del fatto che non mi stupisce più che ogni volta, leggendo un articolo io ci trovi qualcosa di inedito. Qualcosa che im era sfuggito tra le righe. Sicuramente capisco tante cose rispetto a prima ma sembra proprio che il mio percorso non finirà mai. O che almeno mi porti in un "luogo" più sereno.

  • apis - 15:28 31/01/23

    Nota personale: in tutte le scuole o tecniche che ho incontrato nella mia vita e che vale la pena studiare, il controllo della mente e il non pensare sono stati un elemento centrale. Per mia vergogna, devo confessare che praticare il non-pensiero è sempre stato troppo faticoso per me e ho rinunciato prematuramente. Negli ultimi anni sono diventato sempre più consapevole di come la giostra dei pensieri nella mia testa giri, con i pensieri più insensati e negativi che lavorano contro di me giorno e notte. La tecnica di respirare il prana nei chakra fa davvero la differenza. Posso solo sperare di continuare a farlo abbastanza a lungo da riuscire finalmente a sfondare.

  • saundwave - 15:38 30/01/23

    Super articolo grazie, il low è potente, ma noi dobbiamo essere più potenti di lui, ogni giorno mi combatto ma inizio a vedere risultati, senza volontà e costanza si fa parecchia fatica, ma se vogliamo imparare ad evolverci ogni giorno bisogna praticare, ci saranno anche le giornate dove saremo stanchi o troppo distratti da low, ma è giusto sedersi a praticare, come dice l'articolo il low ci ha con se tutto il giorno, dobbiamo strappargli via quella mezz'ora del NOSTRO tempo, e forse anche più, per il nostro bene, per continuare ad evolverci ed essere presenti.

  • lorenara - 23:53 27/01/23

    Tenere il non pensiero risulta più semplice, praticando e praticando ancora dura sempre un pochino di più, certo, è ancora difficile riuscire a fare una meditazione completa in non pensiero dall inizio alla fine, ma rispetto le prime meditazioni, in cui il non pensiero nemmeno capivo come fosse fatto perché non ero in grado di provarlo, adesso è più semplice arrivarci w cercare di mantenerlo nonostante le intrusioni di pensieri intrusuvi passeggeri, è più semplice vederli e distaccarsi decidendo di propria volontà di seguire il cuore e il respiro anziché la mente. I progressi ci sono e seppure possano sembrare impercettibili, sono molto pronunciati e provoca un gran senso di soddisfazione. L obbiettivo è riuscire a starci sempre più a lungo e anche fuori dalla meditazione, difficile ma non impossibile.

  • pendragon - 17:43 27/01/23

    "Sai già dove ti porta il modo con cui hai sempre agito, però non sai dove ti porterà il silenzio mentale, ma è arrivato il momento di scoprirlo". Mi ha colpito molto questa frase. Infatti solo sperimentando si può capire cosa cosa significa davvero il non pensiero, e io sono del resto ancora lontanissimo dal poterlo fare. Sul non pensiero ci sono molti pregiudizi e fraintendimenti, infatti spesso si pensa che voglia dire non pensare a niente e quindi rimanere vuoti. Invece come dice Angel significa concentrarsi su una sola cosa e portarla avanti senza farsi distrarre dai mille altri pensieri casuali. Sembra facile, ma in realtà non lo è affatto, altrimenti avremmo già potuto comprenderlo. E io ho voglia di comprenderlo davvero!

  • elisabettazara - 20:03 26/01/23

    Un articolo che va al nocciolo del mio problema con la meditazione, non riuscire a tenere a bada i pensieri e l'attenzione ferma, è il mio problema da sempre.... è stato anche interessantissimo leggere una volta di più quanti siano i benefici di una pratica quotidiana della meditazione, ciò mi porta a desiderare di non mollare con il mio cammino appena cominciato....ho letto qui argomenti che ho trovato già in tanti libri, libri che a lungo andare mi hanno stufato per la troppa teoria....nessuno proponeva una soluzione tanto semplice quanto importante!!! Grazie!

  • filippo81 - 21:36 25/01/23

    É davvero difficile mantenere il non pensiero! Ma le parole di questo articolo colgono talmente bene lo stato in cui mi trovo che non si può non credere alla positiva evoluzione che esse indicano.

  • essence99_🪷 - 19:18 25/01/23

    Durante le mie meditazioni faccio un po’ di fatica a mantenere il silenzio mentale. Ho notato che tendo ad avere sempre dei pensieri negativi che non mi permettono di praticare tranquillamente. Per questo, cerco di meditare almeno una volta al giorno per riuscire a prendere il controllo dei miei pensieri e migliorarmi sempre di più.

  • marypersempre - 18:15 25/01/23

    Non sempre mi riesce non pensare per tutta la durata della meditazione, quando ci riesco seppur per qualche manciata di secondi, 10’ più o meno, mi sento leggera mentalmente! Bella sensazione!

  • sssnoop Medaglia per aver completato lo Step 1 - 15:53 25/01/23

    La seconda lettura mi ha fatto ricordare il periodo dell'universitá. Tra gli esami per i quali ho studiato con più passione c'erano quelli che avevano come tema la modernitá con la sua frenesia che porta le persone in un costante stato di agitazione, insoddisfazione e ansia da prestazione sia sul lavoro che in società. Il pensiero contemporaneo mi sembra l'esatto risultato di quelle descrizioni: è un continuo ragionare sulle incombenze e sulla pianificazione del tempo facendoci sembrare che non esista tempo utile per cercare in noi quello che ci piace, offrendoci intrattenimenti che non ci appagano ma ci tengono solo distratti. Ecco, esiste un non pensiero del Low, quello nel quale non pensiamo perché siamo imbambolati e incapaci di ascoltare le nostre sensorie.

  • The_Niccio - 15:20 23/01/23

    Rileggere questo documento mi rendo conto adesso che è fondamentale, nel mio caso davo si importanza al non pensiero, ma nella maniera sbagliata, non comprendevo quanto fosse fondamentale e come ci voglia davvero poco a farci cadere nell'anti spiritualità. È vero il Low ci martella anche solo per una semplice mezz'ora di non pensiero e i pensieri sono davvero dei più disparati. Non mi rendevo conto dell'importanza del non pensiero, di come questo ci permetta di eludere la stretta del Low e quanto il Low non voglia questo. Credo che riuscire a focalizzare i pensieri e togliere quelli inutili ci permetta poi di essere veramente presenti nel momento presente. Adesso comprendo più che mai l'importanza di chiarire a se stessi l'intento con cui ci mettiamo a meditare, è fondamentale per la riuscita della tecnica. Non ricordavo neanche la progressività del silenzio mentale, invece è importantissimo affrontarlo in questo modo progressivo. Grazie mille Angel per questo bellissimo ed utilissimo documento!

  • Steph - 21:01 21/01/23

    Siamo abituati a pensare da sempre e di conseguenza aver un buon non pensiero risulta quasi impossibile soprattutto all'inizio di questo percorso, ma poi si migliora a mano a mano. Il nemico principale dell'evoluzione è proprio il pensiero perché manipolato dal Low che ci vuole sempre tenere lontano dalla spiritualità facendoci distrarre su mille cose. I pensieri non si possono annullare ma possiamo cercare di abbassarli in modo che il nostro sesto senso riesca a farsi sentire attraverso sensazioni e percezioni. Solo attraverso la meditazione ci si può rendere conto di quando il nostro pensiero sia alterato.

  • stewild86 - 12:36 18/01/23

    Molto interessante ed esaustivo oltre che di grande aiuto ribadire più volte il concetto chiave del non pensiero e dell'importanza di respirare rana e di sentire i chakra molte volte ci casco anch'io sia in fase di meditazione che durante la giornata il loro mi assale con pensieri e fantasia assurde che non mi servono nonostante negli ultimi mesi faccia un lavoro molto Serrato di scrematura di concetti che mi servono per evitare di riempire la testa di cose superflue è irrilevanti. In fase di meditazione il nonpensiero è determinante proprio per riuscire a concentrarsi al meglio sull'assimilare energia Prana e farla scorrere nel corpo attraverso i chakra e per la riuscita delle tecniche psichiche mi fa pensare molto che delle volte mi perdo in pensieri assurdi per vari minuti Addirittura mi assopisco per poi ripetere a me stesso ma che cavolo sto facendo e poi magari arrivare a fine meditazione insoddisfatto

  • Alessio - 23:28 17/01/23

    Dopo due anni e mezzo di meditazioni rileggere questo documento mi è servito moltissimo, mi ha fatto rendere conto del perché ho fatto fatica a trovare il mio modo di meditare in non pensiero. Non è facile per niente, e tutt'ora non ho certo raggiunto la perfezione, ma grazie alle pratiche sono riuscito a superare i momenti di difficoltà che se non mi fossi appassionato alla meditazione e non mirassi all'evoluzione, mi avrebbero senz'altro fatto smettere. In tutto questo tempo è capitato di tutto, comprese persone messe apposta sulla mia strada che grazie alle pratiche sono riuscito a riconoscere e scacciare. Per mia fortuna sono molto testardo e sono riuscito a reggere ma ora che vedo bei miglioramenti è proprio il momento di non abbassare la guardia perché mi aspetto tentativi di distrazione pronti ad arrivare all'improvviso dappertutto.